Lagavulin 12 y.o. White Horse Carpano Import

Lagavulin 12 y.o. White Horse Carpano ImportInformazioni:

Tipologia: Islay Single Malt Scotch Whisky

Provenienza: Isola di Islay – Scozia

Volume alcolico: 43%

Prezzo consigliato: 1400 euro circa.

Reperibilità: Molto rara, imbottigliamento degli anni 70.

 

Cenni storici e osservazioni personali:

Per ringraziarvi del vostro crescente sostegno, oggi recensirò un’espressione più unica che rara: Lagavulin 12 y.o. White Horse Carpano Import. Essendo un rilascio dei primi anni ’70, la distillazione è avvenuta negli anni ’60, rendendo questo whisky un esempio interessante dei tempi andati.
Ricordo, tuttavia, che Lagavulin è tra le poche distillerie che ha sempre mantenuto un alto livello qualitativo, nonostante i cambi di proprietà.
Indubbiamente, questo imbottigliamento ha uno status leggendario tra gli appassionati e vanta recensioni estremamente positive. La rarità è ovviamente elevata, così come il prezzo. È disponibile presso pochi rivenditori online.
Quando ho avvistato questa bottiglia al Collector’s Corner di Spirit of Scotland, non ho saputo resistere dal prenderne un campione!
Colgo l’occasione per sottolineare come questo spazio dedicato a imbottigliamenti rari, sia stata una piacevole e gradita aggiunta al Festival romano, rispetto agli anni precedenti. Spero di rivederlo nelle prossime edizioni. Con cifre tutto sommato contenute, era possibile assaporare vere rarità come il Glen Mhor recensito due giorni addietro e questo Lagavulin.

Ma ora, bando agli indugi, versiamo questo Laga nel bicchiere e testiamo il suo valore!

Dettaglio della bottiglia.

Dettaglio della bottiglia.

Note Degustative:

Aspetto: Ambra

Olfatto: Una torba elegante, sottile, accompagna tutta la durata dell’assaggio. Compaiono note di catrame e salmone affumicato, molto intriganti. Ben presente un lato dolce, di mango e papaya che successivamente vira su note più aspre di arancia rossa e pompelmi.  È molto delicato e, al contempo, molto complesso: subentra il bergamotto accompagnato da delicata canfora, fiori di campo e camomilla. Tracce di muschio bagnato. L’eterea fumosità permane e, a tratti, si amplifica pur rimanendo mitigata, lasciando trasparire una nota gradevolissima di incenso. Tracce di menta appena accennata.
Un elegantissimo olfatto ed un autentico Lagavulin.

Palato: La torba è onnipresente ma sottile e, su questo nobile substrato, si apre con cacao amaro e foglie di tè nero. L’evoluzione prosegue e soprende con un lato di polvere da sparo, un tocco di liquirizia e un ritorno degli agrumi ravvisati all’olfatto. Marmellata di arancia, limoni…punta di pepe. Decido di fermarmi per un’ora prima di riassaggiarlo, voglio farlo ossigenare. L’attesa è ripagata: alle note sopracitate si aggiungono menta, buon legno morbido e una meravigliosa nota di cera d’api. Che palato possente e sontuoso!

Finale: Molto lungo, tipicamente da Lagavulin, con torba delicata, pepe nero, marmellata d’arancia, tartufo al cioccolato fondente e foglie di tè nero. Stupendo!

Uno dei migliori Lagavulin che mi sia capitato di assaggiare, mantiene perfettamente le promesse.  È un dram che richiede pazienza per essere esplorato nelle sue molteplici sfaccettature. Se siete tra i fortunati possessori di una bottiglia fate un favore a voi stessi e apritela. Niente aste on-line, per favore!

Voto: 94/100

Download PDF
Download

Riconoscimenti

I seguenti riconoscimenti sono stati attribuiti da "Il Bevitore Raffinato"

  • Premio
  • Premio
  • Premio
  • Premio
  • Premio
Bookmark the permalink.

3 Comments

  1. Pingback:Lagavulin 12 yo ‘White Horse Distillers’ (anni ’70, OB, 43%) | whiskyfacile

  2. Salve, sono in possesso di una bottiglia di White Horse con numero seriale N. 785949. Non essendo intenditore vorrei capire quale possa essere il suo valore e vetustà. Grazie
    Roberto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Bevitore Raffinato invita i visitatori del Sito a bere in modo responsabile.