Caroni 21 y.o. Extra Strong 1996-2017

caroni-21-y-o-1996-2017-extra-strongInformazioni:

Tipologia: Rum Industriale invecchiato.

Provenienza: Trinidad

Volume alcolico: 57,18%

Prezzo consigliato: 290 euro.

Reperibilità: Medio-bassa.

 

Cenni storici e osservazioni personali:

La gamma di Caroni di Velier si è recentemente arricchita con il Caroni 21 y.o. Extra Strong, distillato nel 1996 ed imbottigliato nel 2017. Il rilascio è avvenuto più o meno in concomitanza con il 23 y.o. millesimato Single Cask e il prezzo di listino è molto similare. Tuttavia, già non facilissimo da trovare, pur essendo stato immesso sul mercato pochi mesi fa.
Vi verranno incontro le enoteche specializzate, anche online, ove sarà possibile trovarlo accanto ai fratelli più giovani.
In linea con questi, il Caroni 21 y.o. vanta un grado pienissimo del 57,18%, un’angel’s share superiore all’86% (più opportuno parlare di devil’s share…) e una maturazione avvenuta interamente nel clima tropicale di Trinidad (indi l’alta percentuale di evaporazione).
Come ben saprete, Caroni è uno dei rum con la più alta considerazione da parte di estimatori e collezionisti, la cui riscoperta è stata dovuta a Luca Gargano e la sua azienda, la Velier, che detiene gli stock residui della distilleria.
Esistono ovviamente anche rilasci da parte di altri selezionatori, seppur non così frequenti.
Caroni è una sorta di Port Ellen dei rum, da anni si vocifera un esaurimento delle scorte imminente, tuttavia finora ve ne è ancora e, di conseguenza, godiamocelo finchè sarà possibile.
Colgo l’occasione per ringraziare i fratelli Tomaselli di Buccaneer Rum per il campione.

Note Degustative:

Aspetto: Ambra intensa.

Olfatto: Elegante e raffinato come il più giovane 17 y.o., con l’inconfondibile nota di cera e paraffina più doma rispetto al 17 y.o. e ben amalgamata a sentori fruttati di albicocca. Ancora, un bel mix di frutta tropicale: ananas e banana. Non manca del piacevole cacao amaro e una vaniglia che diviene più esuberante man mano che il distillato si ossigena. Presenta, come del resto mi aspettavo, notevoli similitudini con il fratello “minore” ma, al contempo, ha la propria individualità. Presente, come nel 17, un piacevole tratto balsamico di menta, seppur più mitigato e meglio integrato. Molto piacevole, invero!

Palato: Di corpo pieno, esplode con un mix speziato che ammanta il palato: molto pepe nero, ma anche cannella e chiodi di garofano, senza tralasciare una gradevole dolcezza della vaniglia. Liquirizia dolce ben innestata e piuttosto marcata, accanto a un piacevole tratto fenolico. Foglie di tè verde e nero, gradevole cacao amaro. Lato fruttato contraddistinto nuovamente dall’albicocca, qui molto matura. Lato balsamico di menta fresca e tocco di rabarbaro. Punta di china! Elegante, meno muscolare del più giovane 17, ma assolutamente di spessore.

Finale: Lungo, di albicocca, punta di rabarbaro, tè nero, cacao amaro.

Un Caroni eccellente,ben strutturato ed elegantissimo. Ha notevoli similitudini con il più giovane 17 y.o. pur, come ho detto nel corso della recensione, presentando la propria individualità con relative differenze. Mentre il 17 y.o. si presenta più intenso sotto alcuni punti di vista, il 21 y.o. prende poco a poco, producendo un risultato ugualmente elegante, almeno per la mia modesta opinione. Altra piacevole aggiunta al parterre Velier! Il voto numerico non può che essere analogo.

Voto: 92/100

Download PDF
Download

Riconoscimenti

I seguenti riconoscimenti sono stati attribuiti da "Il Bevitore Raffinato"

  • Premio
  • Premio
  • Premio
  • Premio
Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Bevitore Raffinato invita i visitatori del Sito a bere in modo responsabile.