Four Roses Single Barrel

four-roses-single-barrelInformazioni:

Tipologia: Kentucky Straight Bourbon Whisky

Provenienza: Kentucky – U.S.A.

Volume alcolico: 50%

Prezzo consigliato: 40 euro.

Reperibilità: Alta.

 

Cenni storici e osservazioni personali:

Tempo fa vi parlai di un batch datato del Four Roses Single Barrel, tra i più noti bourbon del mondo. L’attuale incarnazione vede la gradazione fissa al 50% (in precedenza vi era una diluizione al 43%, già tuttavia dismessa da molti anni) e il bourbon è ottenuto da un mashbill ad elevato contenuto di segale (il 35%).

Ogni bottiglia di Four Roses Single Barrel indica la warehouse di provenienza (nel caso della bottiglia in disamina odierna, la 05) e il numero del barile (2-4G).
Four Roses ha realizzato 10 differenti ricette per i propri bourbon, ottenute mediante la combinazione di 2 tipi di mashbill e 5 lieviti diversi.
Per il Single Barrel viene impiegata sempre la stessa ricetta, che presenta il 60% di mais, il 35% di segale e il 5% di orzo maltato.
L’elevata quantità di segale, lascia preludere a note speziate abbastanza decise.
Non resta che provare questo bourbon iconico, peraltro facilmente reperibile in Italia.

Note Degustative:

Aspetto: Ambra.

Olfatto: Interessante tratto balsamico di mentolo, con leggera sfumatura di eucalipto, cui si aggiunge del cioccolato fondente. Al contempo, ben presenti delle pere mature e prugne secche. Piuttosto gentile, con nota alcolica perfettamente integrata e non invasiva.

Palato: A discapito dell’olfatto delicato, si presenta piuttosto incisivo, con un riverbero del tratto balsamico, qui decisamente più intenso che in sede olfattiva, accompagnato da spezie del legno e tocco di pepe nero. Indubbiamente l’influsso della segale è ben evidente. Di sfondo, le tipiche note vanigliate del bourbon, molto tenui. Permane qualche traccia di frutta, molto leggera, primariamente prugna.

Finale: Mediamente lungo, fortemente innestato sulle note balsamiche di mentolo e su spezie del legno.

Bourbon più che piacevole, decisamente gentile nonostante l’elevata gradazione. Non particolarmente complesso, tuttavia apprezzabile. Ho preferito maggiormente l’olfatto al palato, quest’ultimo a mio parere troppo condizionato dalla segale. Sarei curioso di riprovarlo in futuro, magari di differente warehouse.

Voto: 82/100

Download PDF
Download
Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Bevitore Raffinato invita i visitatori del Sito a bere in modo responsabile.