dalmoreInformazioni:

Tipologia:  Highlands Single Malt Scotch Whisky

Provenienza:  Highlands – Scozia

Volume alcolico: 40%

Prezzo consigliato: 60 euro

Reperibilità: Media

 

Cenni storici e osservazioni personali:

La distilleria Dalmore è una delle più note delle Highlands ed è sita ad Alness, piccolo borgo scozzese nei pressi della più nota Inverness. Il nome, in parte gaelico e in parte scandinavo, significa “La grande prateria”. La fondazione avvenne nel 1839 ad opera di Alexander Matheson, un commerciante divenuto ricco grazie all’importazione illegale di oppio dall’Estremo Oriente. Tuttavia, la sua gestione durò ben poco e l’attività passò nelle mani della distillatrice occasionale Mrs Margaret Sutherland, la quale non vi si dedicò mai a tempo pieno.
Un notevole cambiamento in positivo per Dalmore avvenne nel 1886, quando fu acquisita dalla famiglia Mackenzie, clan della regione con origini molto antiche.

L’attuale emblema di Dalmore, il cervo con le corna a 12 punte, rappresenta infatti lo stemma gentilizio della famiglia. Anche il motto della casata, “Luceo non Uro” ossia “Brillo, non brucio” è stato adottato dalla distilleria.
E’ opportuno ricordare che la scelta del sito su cui edificare la distilleria, sulle rive del Cromarty Firth, è stata fortemente strategica:  ottima qualità dell’orzo, acqua pura del fiume Alness e torba in abbondanza.
Ritornando alle vicissitudini della proprietà, la famiglia Mackenzie determinò un incremento notevole della produzione, inziando a fornire malto per i blend realizzati da due personaggi molto noti dell’epoca: James Whyte e Charles Mackay di Glasgow.  La lunga collaborazione raggiunse l’apice nel 1960, quando Dalmore fu acquisita dalla Whyte  e Mackay. Ad oggi, quest’ultima è stata acquisita dal colosso indiano United Breweries Company che ha comunque assicurato a Dalmore una notevole autonomia gestionale.
Altra caratteristica interessante di Dalmore è la forma degli alambicchi, con colli mozzi molto simili a queli della Cragganmore; pur se non sia chiaro se ciò sia stato dovuto a una scelta ben ponderata o ad una mera casualità, dato l’ottimo funzionamento, nessuno ha mai osato modificarne la forma.

Passando al range produttivo di Dalmore, occorre dire che è piuttosto variegato e parte dal basilare 12 years old per poi evolversi con il 15 years old oggetto di questa recensione, senza dimenticare espressioni più invecchiate come il 18 ed edizioni limitate o esclusive come il Trinitas, l’Eos e il Selene. Espressioni ugualmente interessanti, rilasciate come edizioni speciali ma ad un prezzo tutto sommato contenuto sono il Castle Leod e il Cromartie. L’elenco è comunque lungo e vi consiglio di consultare il sito ufficiale della distilleria per avere un’idea dei vari imbottigliamenti ufficiali.

Particolarità di questo Dalmore è la maturazione dapprima in botti ex-bourbon per un periodo di 12 anni e poi, successivamente, in botti che hanno precedentemente contenuto sherry, caratteristica che tende a conferire note eleganti e suadenti al malto.
Nel caso del 15 anni, siamo quindi di fronte a un vatting di botti che hanno ospitato tre differenti tipi di sherry: Amoroso, Apostoles e Matusalem Oloroso, dopo l’iniziale maturazione in ex-bourbon first fill.
Un esperimento decisamente interessante, proprio ciò che mi ha spinto ad acquistarne una bottiglia per verificarne il risultato!
Ultima nota sul nuovo package: è piuttosto elegante, sia nella scatola esterna che nella forma della bottiglia. Su entrambe, è impresso il tradizionale cervo Dalmore.

Note Degustative:

Aspetto: Ambra scura con  riflessi ramati, tali da far esclamare a prima vista: Sherry!!!

Olfatto: Dolce e delicato, presenza di Sherry estremamente e piacevolmente evidente. Ricco e fragrante, pieno di dolcezza grazie alla massiccia presenza di frutta secca , in particolar modo uvetta, prugne e datteri. Non manca una distinta nota di cereali, tracce di succo d’arancia e, sinceramente, mi è sembrata  di notare anche una punta di caffè espresso, quello preso in un buon bar, per intenderci. Al naso è decisamente ottimo!

Gusto: La ricchezza e la dolcezza ravvisate al naso continuano e si evolvono, e il whisky si presenta corposo e denso al palato. Molto caldo, avvolgente, con vistosa presenza di caramello, un retrogusto di uvetta e uva sultanina ma anche un tocco di miele frammisto ad un piacevole sentore di cacao. Non manca una nota di vaniglia e una leggera acidità da succo d’arancia.Decisamente interessante anche al palato. A tratti però è un po’ troppo dolce, cosa che tende a non renderlo perfettamente bilanciato, soprattutto per gli amanti del malti più secchi o dei torbati.

Finale: Piuttosto lungo, piacevole e ristoratore con un ritorno della frutta secca ma anche con amabile presenza di spezie.

Tendenzialmente, non disdegno i finish in sherry  e questo 15 anni di Dalmore mi ha fatto un’ottima impressione. Elegante e suadente, rasenta a mio modesto parere un matrimonio ben riuscito. La qualità delle botti impiegate, fornite dal noto produttore Gonzalez – Byass,  dona decisamente un tocco extra al prodotto finale. Piccola pecca che inficia sul voto finale è dovuto alla gradazione, credo infatti che una percentuale leggermente maggiore di alcool, diciamo 43-45% avrebbe potuto valorizzare di più le caratteristiche di questo whisky.
Mi spiace solo di averlo provato durante l’estate, decisamente non il periodo migliore per apprezzare un malto di questo tipo. Credo infatti che una fredda notte di inverno possa valorizzarlo appieno!

Voto: 87/100

Riconoscimenti

I seguenti riconoscimenti sono stati attribuiti da "Il Bevitore Raffinato"

  • Premio
  • Premio

Related Posts

Leave a Reply

Cerca per Distilleria

125Whisky & Whiskey
Aberlour
AnCnoc
Antiquary
Arbikie
Ardbeg
Ardmore
Arran
Auchroisk
Balblair
Ballantine's
Balmenach
Balvenie
Benrinnes
Benromach
Bimber
Bladnoch
Blair Athol
Bowmore
Brora
Bruichladdich
Buffalo Trace
Bunnahabhain
Caledonian
Cameronbridge
Caol Ila
Cardhu
Chichibu
Chivas Regal
Clynelish
Compass Box
Convalmore
Connemara
Cragganmore
Craigellachie
Crown Royal
Dailuaine
Dalmore
Dalwhinnie
Dumbarton
Eagle Rare
Elijah Craig
Ezra Brooks
Fettercairn
Four Roses
George Dickel
Girvan
Glen Albyn
Glenburgie
Glencadam
GlenDronach
Glenfarclas
Glenfiddich
Glen Elgin
Glen Garioch
Glen Grant
Glen Keith
Glenglassaugh
Glengoyne
Glengyle
Glenlivet
Glenlossie
Glenmorangie
Glen Mhor
Glen Moray
Glen Scotia
Glenury Royal
Glenrothes
Glenturret
Glenugie
Hazelburn
Heaven Hill
Highland Park
Hudson
High Spirits
Imperial
Inverleven
Invergordon
Jack Daniel's
Johnnie Walker
Jura
Kilchoman
Kininvie
Lagavulin
Laphroaig
Ledaig
Linkwood
Littlemill
Loch Lomond
Longmorn
Longrow
Macallan
Maker's Mark
Mannochmore
Michter's
Miltonduff
Mortlach
North British
Old Crow
Old Fitzgerald
Old Pulteney
Oban
Pappy Van Winkle
Port Dundas
Pittyvaich
Port Ellen
Puni
Rosebank
Royal Brackla
St.Magdalene
Scapa
Shinshu Mars
Speyburn
Springbank
Strathisla
Strathmill
Talisker
Teaninich
Teeling
Tobermory
Tomatin
Tullibardine
Yamazaki
Whyte & Mackay
Wild Turkey
Ignote/Segrete
43Rum
Abuelo
Angostura
Appleton Estate
Bellevue
Bermudez
Brugal
Cadenhead's
Caroni
Damoiseau
Diamond
Dictador
Diplomático
Don Papa
Doorly's
El Dorado
English Harbour
Enmore
Flor de Caña
Foursquare
Hampden
Havana Club
Kraken
La Hechicera
Long Pond
Matusalem
Mount Gay
Mulata
Ocean's
Plantation
Port Mourant
Relicario
ReimonenQ
Saint James
Saint Maurice
Samaroli
Santa Teresa
Skeldon
Trinidad
Uitvlugt
Velier Demerara
Velier Royal Navy
West Indies Rum Distillery
Worthy Park
5Porto
Dow's
Fonseca
Graham's
Quinta do Vesuvio
Ramos Pinto
11Grappa
Bottega
Cantina del Taburno
Dellavalle
Feudi di San Gregorio
Mazzetti d'Altavilla
Nonino
Poli
Roner
Sibona
Unterthurner
Villa de Varda
9Brandy
A.De Fussigny
Branca
Cardenal Mendoza
Courvoisier
Lepanto
Mazzetti d'Altavilla
Vallein Tercinier
Vecchia Romagna
Villa Zarri