Informazioni:

Tipologia: Blended Malt Scotch Whisky.

Provenienza: Scozia.

Volume alcolico: 43%

Prezzo consigliato: 49 euro.

Reperibilità: Medio-alta.

Cenni storici e osservazioni personali:

Il Johnnie Walker 15 y.o. Green Label è tra gli imbottigliamenti più apprezzati del vasto range del popolare blended. Differentemente dagli altri, il Green Label è però un blended malt, ossia una miscela di più single malt, senza il grain. La composizione esatta è ovviamente segreta,ma Diageo ha inteso realizzare un blended rappresentativo dell’intero territorio scozzese dichiarando che, tra i numerosi malti che compongono il Green Label, vi sono certamente Linkwood, Talisker, Cragganmore e Caol Ila.

Per alcuni anni quest’espressione era svanita dal mercato, lasciando scontenti numerosi appassionati, per poi fortunatamente tornare sugli scaffali a partire dal 2016. Un paio d’anni fa è stata rilasciata anche una versione esclusiva per il Travel Retail, che riuscii a procurarmi nell’ultimo viaggio pre-pandemia e che, di conseguenza, aprirò a breve. Tale imbottigliamento è l’Island Green, che pur essendo esteticamente quasi una replica, si differenzia per l’indicazione dell’invecchiamento, omesso, e per la composizione fatta esclusivamente da malti isolani.

Prima di procedere alla prova del bicchiere, colgo l’occasione di ringraziare Whiskysamples.it per il gentile campione.

Note di degustazione:

Aspetto: Oro.
Olfatto:  Iniziale nota di prosciutto cotto affumicato di Praga, che resta sottile per tutto il tempo. Fragrante brioche all’albicocca seguita da una marmellata di pesca gialla e un melone ben maturo, oltre a una suggestione tropicale di ananas. Questa componente fruttata molto evidente è avvolta da una delicata patina di cera. Presente anche un leggero lato balsamico, di eucalipto, mentre di sfondo emerge una nota di tè nero (mi ricorda molto il Prince of Wales). Infine, un bel tratto di pane in lievitazione.
Palato: Emerge fin da subito il lato balsamico, più sul mentolo stavolta, che si interseca una nota di pepe nero. Il fumo è più evidente che in sede olfattiva, dove era solo tratteggiato. Non manca, poi, una nota di caffè in polvere. Agrumi nella declinazione dei limoni. Il tutto, condito da una più che discreta sapidità e tratto marino.
Finale: Medio, prevalentemente erbaceo e balsamico, con un tocco fumoso.

Probabilmente il Green Label è il blended malt più celebre al mondo, complice anche la produzione iniziata ormai molto tempo fa e che, seppur tavolta interrotta, è stata sempre ripresa. Oltre questo, bisogna dire che è anche una miscela molto bilanciata e complessivamente elegante. Un guizzo di complessità extra, e sarebbe tranquillamente qualche gradino in su nella mia personale classifica, pur restando un whisky assolutamente non banale. 

Voto: 85/100

starstar

Related Posts

2 Responses
    1. Buonasera,
      non ho mai inserito la voce specifica nel box dedicato alle informazioni, perché non desidero appesantirlo più del necessario. Tuttavia, sottolineo sempre se il distillato non impiega coloranti nel testo della recensione. Di conseguenza, quando non dico che è senza colorante, di base è un prodotto in cui è stato impiegato.

Leave a Reply

Cerca per Distilleria

153Whisky & Whiskey
111Scotch Whisky
Aberlour
Allt-a-Bhainne
AnCnoc
Antiquary
Arbikie
Ardbeg
Ardmore
Arran
Auchroisk
Balblair
Ballantine's
Balmenach
Balvenie
Ben Nevis
Benriach
Benrinnes
Benromach
Bladnoch
Blair Athol
Bowmore
Brora
Bruichladdich
Bunnahabhain
Caledonian
Cameronbridge
Caol Ila
Cardhu
Chivas Regal
Clynelish
Compass Box
Convalmore
Cragganmore
Craigellachie
Daftmill
Dailuaine
Dalmore
Dalwhinnie
Dufftown
Dumbarton
Fettercairn
Girvan
Glen Albyn
GlenAllachie
Glenburgie
Glencadam
GlenDronach
Glenfarclas
Glenfiddich
Glen Elgin
Glen Garioch
Glen Grant
Glen Keith
Glenglassaugh
Glengoyne
Glengyle
Glenlivet
Glenlossie
Glenmorangie
Glen Mhor
Glen Moray
Glen Scotia
Glenury Royal
Glenrothes
Glentauchers
Glenturret
Glenugie
Hazelburn
Highland Park
High Spirits
Imperial
Inverleven
Invergordon
Johnnie Walker
Jura
Kilchoman
Kininvie
Lagavulin
Laphroaig
Ledaig
Linkwood
Littlemill
Lochlea
Loch Lomond
Longmorn
Longrow
Macallan
Mannochmore
Miltonduff
Mortlach
Murray McDavid
North British
Old Pulteney
Oban
Port Dundas
Pittyvaich
Port Ellen
Rosebank
Royal Brackla
St.Magdalene
Scapa
Speyburn
Springbank
Strathmill
Strathisla
Talisker
Teaninich
Tobermory
Tomatin
Tullibardine
Whyte & Mackay
Ignote/Segrete
22Stati Uniti
Balcones
Booker's
Buffalo Trace
Bulleit
Catskill
Death's Door
Eagle Rare
Elijah Craig
Ezra Brooks
Four Roses
George Dickel
Heaven Hill
Hudson
Jack Daniel's
Maker's Mark
Michter's
Old Crow
Old Fitzgerald
Pappy Van Winkle
Whistlepig
Widow Jane
Wild Turkey
8Irlanda
Connemara
Midleton
Powerscourt
Redbreast
Teeling
Whistler
Wild Geese
Writers' Tears
3Giappone
Chichibu
Mars
Yamazaki
9Altre nazioni
Bimber
Crown Royal
Kyro
InQuota
Lakes
Nantou
Paul John
Puni
Stauning
45Rum
Abuelo
Angostura
Appleton Estate
Bellevue
Bermudez
Brugal
Cadenhead's
Caroni
Damoiseau
Diamond
Dictador
Diplomático
Don Papa
Doorly's
El Dorado
English Harbour
Enmore
Equiano
Flor de Caña
Foursquare
Hampden
Havana Club
Kraken
La Hechicera
Long Pond
Matusalem
Mount Gay
Mulata
Ocean's
Plantation
Port Mourant
Relicario
ReimonenQ
Saint James
Saint Maurice
Samaroli
Santa Teresa
Skeldon
Trinidad
Uitvlugt
Velier Demerara
Velier Royal Navy
West Indies Rum Distillery
Worthy Park
Ignote
5Porto
Dow's
Fonseca
Graham's
Quinta do Vesuvio
Ramos Pinto
11Grappa
Bottega
Cantina del Taburno
Dellavalle
Feudi di San Gregorio
Mazzetti d'Altavilla
Nonino
Poli
Roner
Sibona
Unterthurner
Villa de Varda
11Brandy
A.De Fussigny
Branca
Cardenal Mendoza
Courvoisier
Fundador
Laurichesse
Lepanto
Mazzetti d'Altavilla
Vallein Tercinier
Vecchia Romagna
Villa Zarri