Santa Teresa 1796

Santa Teresa 1796Informazioni:

Tipologia: Rum prodotto con metodo “Solera”

Provenienza: Venezuela

Volume alcolico: 40%

Prezzo consigliato: 50 euro 

Reperibilità: Alta, disponibile anche su  Amazon (LINK).

Cenni storici e osservazioni personali:

Il Venezuela è una delle storiche terre di produzione del Rum ma, ad oggi, diverse “Haciende” produttrici  sono di proprietà di grosse multinazionali. Questa premessa, per parlare di “Santa Teresa” , una Hacienda fondata nel 1796 e ancora oggi indipendente e a conduzione familiare. Una delle tante ragioni che rendono speciale il Rum di cui tra poco parlerò. Perchè è così importante? Perchè la “piccola” gestione ha scelto il metodo di produzione “Solera”, già estremamente noto per aver reso grande un nobile vino:lo Sherry. Fondata nel 1796 dal Conte di Tovar y Blanco , spagnolo, l’Hacienda è oggi di proprietà della famiglia Vollmer, e sorge a El Consejo, Contea Revenga nello Stato di Aragua, a circa 80 km dalla capitale Caracas. Il progenitore, Gustav Julius Vollmer, arriva in Venezuela dalla  città di Amburgo, Germania, nel 1826, in  cerca di fortuna e avvia il processo che avrebbe reso grande Santa Teresa. La modernizzazione della regione, e l’arrivo del treno, consentono un rapido sviluppo dell’attività, inizialmente convertita in coltivazione di canna da zucchero.
In seguito all’acquisto di alambicchi da Francia e Germania, diviene una vera e propria distilleria e, fino al dopoguerra, rimane l’unica del Venezuela. Per i primi 200 anni di onorata attività, nel 1996, viene prodotto uno splendido Rum: il Santa Teresa 1796, Ron Antiguo de Solera.

L’uso del metodo Solera è quindi rimarcato, giustamente, anche nell’etichetta. Tale metodo, decisamente affascinante, consente una produzione di elevata qualità regalando un aroma sontuoso e un gusto decisamente complesso. Già noto, come ho detto prima, per la realizzazione degli Sherry, è anche ampiamente usato nella produzione dei migliori brandy spagnoli.

Consiste nell’utilizzo di più botti definite “Criadera” e “Solera”. Le botti vengono disposte su più file sovrapposte e il riempimento inizia da quelle superiori. Dopo un anno, una parte del contenuto viene travasato nelle botti che si trovavano al livello inferiore, e quelle superiori vengono riempite con il nuovo rum. Il procedimento viene ripetuto di anno in anno, in base al numero di anni scelti per l’invecchiamento; in tale maniera il distillato che si trova nelle botti alla base, pronto per il consumo, risulta composto da annate diverse, e di anno in anno si arricchisce di particolari sapori.

Nel caso specifico del Santa Teresa, vengono usate quattro file di botti francesi Limousine, e il prodotto finale è composto da un blend di rum con un invecchiamento compreso tra i 4 e i 35 anni. Non sono specificati gli anni di invecchiamento sull’ etichetta in quanto, in virtù del metodo Solera, il Rum sarà composto da diverse annate e quindi indicare un’età precisa potrebbe essere fuorviante;  è possibile però indicare l’invecchiamento medio, pratica adottata da altri produttori.

E’ un prodotto estremamente elegante e, inoltre, facilmente reperibile. Enoteche specializzate, rivenditori online e ad anche diversi ipermercati ospitati in centri commerciali,raramente ne sono sprovvisti.E’ indubbiamente ottimo poter trovare un prodotto così pregiato ad un prezzo accessibile e in grande quantità. Provai questo Rum diversi anni fa, mentre ero alla ricerca di un prodotto insolito e autentico sia per storia che per gusto! Fu amore a prima vista! Tuttora è, tra tutti, quello che cerco di non far mai mancare nella mia piccola selezione privata.

La bottiglia è molto elegante e, piccola nota, è sigillata con ceralacca rossa. E’ quasi un peccato essere costretti a rimuoverla per assaporarne il contenuto.

 

Note Degustative:

Aspetto: Ambra scura. Colore pieno con riflessi ramati, potrei dire, un colore di miele caldo.

Olfatto: In principio morbido miele misto a caramello, in seguito note di mele verdi e un tocco di banana matura. Una distinta nota di vaniglia e toffee completano un sentore fervido e profondo! Non c’è che dire, ricorda uno Sherry!

Palato: Ad un primo sorso, è impossibile non scorgere il sentore di caramello e quell’essenza  di legno tipica dei distillati a lungo invecchiati in botte (si parla di una media di 25 anni eh!). Mentre il Rum attraversa il palato, è possibile scorgere ulteriori sapori, mai contrastanti, come quello di ciliegie, vaniglia e miele. Un retrogusto di  cioccolato fondente rende questo rum ancora più sontuoso! Delizioso, davvero!

Finale: Mediamente lungo e dolce, restano la vaniglia, il cioccolato e un delicato sapore “legnoso”. Adorabile!

Un Rum d’eccezione, proposto ad un prezzo particolarmente interessante e facilmente reperibile. La tradizione con un pizzico di modernità. Cosa volere di più? Lo adoro! Abbinamento ideale: dolci a base di cioccolata, cioccolato fondente 70-80% di cacao o un buon sigaro!

Voto: 92/100

Download PDF
Download

Riconoscimenti

I seguenti riconoscimenti sono stati attribuiti da "Il Bevitore Raffinato"

  • Premio
  • Premio
  • Premio
  • Premio
Bookmark the permalink.

22 Comments

  1. Un prodotto di assoluto spessore ed eleganza! Pochi Rum assurgono a questo livello! Prossimamente, altre recensioni in questa sezione:)

    • Salve, non so se è il posto giusto per porre questo problema; ho acquistato una confezione di rum santa teresa 1796 da UVINUM e aprendone una bottiglia ho notato che sul tappo erano presenti tracce di muffa. Non essendo un intenditore di tale distillato (è la prima volta che lo compro) non sono nelle condizioni di capire se il sapore ne risulta alterato o cosa ancora più grave presenti pericoli per la salute.
      scusandomi per essere hot rispetto alla discussione, saluto cordialmente.

      • Salve,
        normalmente la muffa presente tappo designa una cattiva conservazione. Il gusto potrebbe risultarne alterato ma non dovrebbero esserci pericoli per la salute. Le suggerisco, tuttavia, di contattare il venditore e far presente il problema per ottenere un cambio della bottiglia. Cordiali Saluti.

  2. Intanto la ringrazio per l’attenzione. Relativamente al gusto alterato, ha ragione infatti, una volta che si è deglutito il sorso in bocca rimane un legero sapore tra il rancido e odore di muffa.
    il problema è che avendone acquistato 6 bottiglie non posso aprirle tutte per verificare se anche le altre anno lo stesso difetto.

  3. Bè, ne ho aperta un altra e anche questa (anche se più lievi) presenta tracce di muffa. il rum lo acquistato su UVINUM botega Santa Cecilia. A questo punto penso che tutte e sei le bottiglie presentino lo stesso problema. Ho fatto presente la cosa a una responsabile di UVINUM la stessa mi ha chiesto delle foto del tappo che ha provveduto ad inviare a degli “esperti” del distributore. La cosa devo ammettere mi lascia alquanto perplesso……….
    Avete suggerimenti su come posso fare per chiederne la sostituzione??.

    • Guardi, non ho mai acquistato da UVINUM e non conosco quindi la politica del distributore in merito ai resi. Tuttavia, credo sia giusto fare le dovute rimostranze e cercare di ottenere la sostituzione di un prodotto mal conservato. Di più, purtroppo, non posso dirle. Spero riuscirà a risolvere. Buona serata!

  4. Complimenti Giuseppe per le recensioni sono uno spettacolo! Me le sto leggendo tutte con piacere assoluto.

  5. Ha fatto parte venerdì scorso di un acquisto multiplo insieme ad un mio caro amico con cui condivido la passione per il buon bere, per un dopocena di degustazione ‘comparativa’.
    Devo dire che la sua recensione risponde al vero, e che il Santa Teresa si è messo alle spalle numerose bottiglie più conosciute/blasonate/costose, tanto da entrare anche per noi nelle bottiglie da avere sempre a casa.

    • Salve,
      la ringrazio per il commento. E’ sempre un piacere, per me, ricevere dei riscontri da parte dei lettori in merito ai prodotti esaminati. Sono molto lieto che il Santa Teresa abbia riscontrato il suo gusto e quello del suo amico. Per me, non ho problemi a ripeterlo, è un grande Rum, con un eccellente rapporto qualità/prezzo!
      Buona Giornata!

  6. l’ho trovato a 42€ da rocchi a roma

    un buon prezzo?

  7. Scusa la domanda grezza che ti vado a fare…
    Premetto che di rum ho assaggiato solo per adesso: Zacapa 15/23/xo, El Dorado 12/15 e Matusalem 15.
    Di questi rum il Matusalem è quello che ho gradito meno.. in quanto (passami il termine) troppo secco rispetto al gusto rotondo che più mi piace (Zacapa 23 e El Dorado 15).
    Vorrei capire da te se questo ” Santa Teresa 1796″ da te ben recensito, possa essere più verso il mio gusto morbido e rotondo o se è un rum più secco. Visto il prezzo così basso rispetto alla tua affidabilissima recensione così buona non riesco a capire.Scusa la domanda contorta…:-) grazie mille

  8. Ciao,
    se il Santa Teresa Gran Reserva è differente dal Santa Teresa.
    Ti ringrazio e complimenti per il sito.
    Sandro

  9. Ciao Sandro,
    il Santa Teresa Gran Reserva è un’espressione meno matura e con costo più basso rispetto al Santa Teresa 1796 oggetto di questa recensione.
    Grazie per i complimenti, un caro saluto!

  10. Salve, vorrei sapere se possibile a quale linea del Santa Teresa appartiene questo rum:

    https://www.amazon.it/St-Teresa-1796-Rum-latta/dp/B078SJRBM3/

    Sembra il classico Santa Teresa 1796, ma con una bottiglia più raffinata e l’etichetta leggermente diversa, che comunque riporta un riferimento al metodo Solera…e null’altro, stando ad un tracker di Amazon il prodotto è disponibile lì per la vendita da pochi giorni soltanto (23 Febbraio), la descrizione è scarna non ci sono informazioni che lo possano differenziare dalla bottiglia qui recensita, e nemmeno il sito ufficiale della distilleria riporta immagini di quella bottiglia…! Di che si tratta?

  11. Salve Giuseppe,riguardo a questo rum non credi che si senta un po’ troppo l’alcool? All’olfatto si sentono abbastanza i sentori di cui anche tu parli,ma degustando l’alcolico “spazza via” tutto,ed è un vero peccato. Tu cosa ne pensi?grazie e complimenti per il sito

    • Ciao Lorenzo,
      in verità non ho mai trovato la nota alcolica del Santa Teresa eccessiva. Mi sembra anzi molto ben integrata. Tuttavia, è da tempo che non lo riprovo, mi riservo di farlo a breve e, laddove riscontrassi mutamenti, farti sapere. Grazie del gentile commento e scusami per la tardiva risposta: come in altri casi, era finito nello spam. Purtroppo ricevo centinaia di commenti spam al giorno, capita che anche quelli genuini finiscano nel cestino.
      Un caro saluto e grazie!

Rispondi a andrea Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Bevitore Raffinato invita i visitatori del Sito a bere in modo responsabile.