Informazioni:

Tipologia: Islay Single Malt Scotch Whisky

Provenienza: Isola di Islay – Scozia.

Volume alcolico: 49.9%

Prezzo consigliato: 1500 euro.

Reperibilità: Rara, solo 60 bottiglie importate in Italia.

Cenni storici e osservazioni personali:

All’ultima edizione del Roma Whisky Festival era presente anche Stock Italia, storica azienda nazionale che da qualche tempo ha acquisito anche la distribuzione di tutti i prodotti del colosso Beam Suntory. Tra i vari marchi, è presente anche Laphroaig, distilleria che non ha bisogno di presentazioni.

Oltre alle release più diffuse, erano presenti anche il Laphroaig 25 (di cui parlerò prossimamente) e il Laphroaig 33 y.o. “The Ian Hunter Story – Book 3” di cui vi parlerò a breve. 

Ma chi era Ian Hunter a cui è dedicato questo malto?

Semplicemente, l’ ultimo erede dei fratelli Donald and Alexander Johnston, che fondarono la distilleria Laphroaig nel 1815. Entrato in distilleria nel 1908, il giovane Ian non solo incrementò il livello qualitativo della produzione, ma riuscì a diffondere il proprio whisky anche oltreoceano. Persino durante il periodo del Proibizionismo statunitense, il Laphroaig veniva commercializzato con l’escamotage di considerarlo un “medicinale”. In effetti, considerate le peculiari caratteristiche del malto, non era poi così inappropriato…

Ian Hunter, peraltro, fu colui che decise di introdurre l’uso delle botti ex-Bourbon per la maturazione, circostanza dettata dall’esigenza pratica dell’indisponibilità di botti ex-Sherry in misura sufficiente.

Nel mondo esistono solo 4.800 bottiglie di questo Single Malt, di cui solo 60 sono state assegnate al mercato italiano.  

 

Note di degustazione:

Aspetto: Oro.
Olfatto: Profondo effluvio di frutta tropicale, nella declinazione dell’ananas in primis, ma con un’incursione della banana e della più nostrana pera spadona. Il lato fruttato incontra un’elegante patina di cera che si mescola a un sentore di carta antica, creando una suggestione decisamente nobile e, per certi versi, austera. La componente più dolce non si limita alla frutta, ma offre una crema chantilly molto delicata.  La torba c’è, ma non è graffiante come in espressioni più giovani, anzi risulta essere molto doma, praticamente di sfondo. Del classico sentore medicinale di Laphroaig vi è solo un tocco, più a rimembrare la canfora che non l’antisettico che pur sopravvive in modo delicato.  Gradevolissimo, ma è davvero un Laphroaig? L’etichetta dice di sì, quindi mi fido…
Palato: Affiorano le note più canoniche di Laphroaig, con una torba decisamente più intensa rispetto all’olfatto, con un’impressione di carboni spenti. Vi è anche una discreta sapidità, che ben contorna il ritorno delle fruttate ravvisate all’olfatto, in questa sede più tenui e prevalentemente innestate sull’ananas, senza però escludere la pera. Infine, una decisa nota medicinale.
Finale: Lungo, dominato da torba e salinità, con la frutta a contornare il tutto.

Provare un imbottigliamento venerando è sempre emozionante. Quando poi si rivela essere anche molto valido, è decisamente un piacere extra. Questo Laphroaig 33 è un malto di tutto rispetto, con caratteristiche organolettiche di primo piano. All’olfatto potrà celare la sua identità, ma al palato è fin troppo evidente che sia un figlio di Islay. Ringrazio Stock per il gentile campione.

Voto: 91/100

starstarstar

Riconoscimenti

I seguenti riconoscimenti sono stati attribuiti da "Il Bevitore Raffinato"

  • Premio
  • Premio
  • Premio
  • Premio

Related Posts

Leave a Reply

Cerca per Distilleria

142Whisky & Whiskey
Aberlour
Allt-a-Bhainne
AnCnoc
Antiquary
Arbikie
Ardbeg
Ardmore
Arran
Auchroisk
Balblair
Balcones
Ballantine's
Balmenach
Balvenie
Benrinnes
Benromach
Bimber
Bladnoch
Blair Athol
Booker's
Bowmore
Brora
Bruichladdich
Buffalo Trace
Bunnahabhain
Caledonian
Cameronbridge
Caol Ila
Cardhu
Chichibu
Chivas Regal
Clynelish
Compass Box
Convalmore
Connemara
Cragganmore
Craigellachie
Crown Royal
Daftmill
Dailuaine
Dalmore
Dalwhinnie
Death's Door
Dufftown
Dumbarton
Eagle Rare
Elijah Craig
Ezra Brooks
Fettercairn
Four Roses
George Dickel
Girvan
Glen Albyn
GlenAllachie
Glenburgie
Glencadam
GlenDronach
Glenfarclas
Glenfiddich
Glen Elgin
Glen Garioch
Glen Grant
Glen Keith
Glenglassaugh
Glengoyne
Glengyle
Glenlivet
Glenlossie
Glenmorangie
Glen Mhor
Glen Moray
Glen Scotia
Glenury Royal
Glenrothes
Glentauchers
Glenturret
Glenugie
Hazelburn
Heaven Hill
Highland Park
Hudson
High Spirits
Imperial
Inverleven
Invergordon
Jack Daniel's
Johnnie Walker
Jura
Kilchoman
Kininvie
Lagavulin
Lakes
Laphroaig
Ledaig
Linkwood
Littlemill
Loch Lomond
Longmorn
Longrow
Macallan
Maker's Mark
Mannochmore
Michter's
Miltonduff
Mortlach
Murray McDavid
Nantou
North British
Old Crow
Old Fitzgerald
Old Pulteney
Oban
Pappy Van Winkle
Paul John
Port Dundas
Pittyvaich
Port Ellen
Powerscourt
Puni
Rosebank
Royal Brackla
St.Magdalene
Scapa
Shinshu Mars
Speyburn
Springbank
Stauning
Strathmill
Strathisla
Talisker
Teaninich
Teeling
Tobermory
Tomatin
Tullibardine
Yamazaki
Whistlepig
Whyte & Mackay
Widow Jane
Wild Turkey
Writers' Tears
Ignote/Segrete
45Rum
Abuelo
Angostura
Appleton Estate
Bellevue
Bermudez
Brugal
Cadenhead's
Caroni
Damoiseau
Diamond
Dictador
Diplomático
Don Papa
Doorly's
El Dorado
English Harbour
Enmore
Equiano
Flor de Caña
Foursquare
Hampden
Havana Club
Kraken
La Hechicera
Long Pond
Matusalem
Mount Gay
Mulata
Ocean's
Plantation
Port Mourant
Relicario
ReimonenQ
Saint James
Saint Maurice
Samaroli
Santa Teresa
Skeldon
Trinidad
Uitvlugt
Velier Demerara
Velier Royal Navy
West Indies Rum Distillery
Worthy Park
Ignote
5Porto
Dow's
Fonseca
Graham's
Quinta do Vesuvio
Ramos Pinto
11Grappa
Bottega
Cantina del Taburno
Dellavalle
Feudi di San Gregorio
Mazzetti d'Altavilla
Nonino
Poli
Roner
Sibona
Unterthurner
Villa de Varda
10Brandy
A.De Fussigny
Branca
Cardenal Mendoza
Courvoisier
Fundador
Lepanto
Mazzetti d'Altavilla
Vallein Tercinier
Vecchia Romagna
Villa Zarri