Diplomático Reserva Exclusiva

Informazioni:

Tipologia: Rum invecchiato

Provenienza: Venezuela

Volume alcolico: 40%

Prezzo consigliato: 45 €

Reperibilità: Media, disponibile anche su Amazon (LINK).

 

Cenni storici e osservazioni personali:

Torniamo in Venezuela per parlare di un’altra realtà molto significativa nel vasto panorama dei Rum: Diplomático.
La storia di questo Rum inizia nel tardo 800, quando Don Juancho Nieto Mendelez, entusiasta viaggiatore e esperto assaggiatore nonchè conoscitore di gusti ed aromi, iniziò la propria collezione di rum e liquori esotici creando la famosa “Riserva dell’Ambasciatore”. Da qui, la creazione di un suo proprio Rum in cui è ravvisabile l’esperienza e la conoscenza di ingredienti ricercati e, ovviamente, la dedizione.
La distilleria che oggi produce questo blasonatissimo rum (basta consultare il sito ufficiale per notare la pletora di premi di cui è stato insignito) è la Distilerias Unidas, meglio nota come DUSA. L’Hacienda è sita nella cittadina di La Miel, nello stato di Lara, luogo magico per la produzione del rum. In questo luogo, infatti, viene prodotto l’80% di tutta la canna da zucchero del Venezuela. Il motivo è semplice: il clima tropicale, caldo di giorno e fresco di notte, con alta umidità e piogge abbondanti offre condizioni ideali per la coltivazione della canna.
Il Ron Diplomático è composto da un blend di tipologie di Rum completamente differenti, dalla materia prima alla fermentazione e, ovviamente, alla distillazione. Vengono utilizzate infatti diverse varietà di canna: la Venezuela, la Central Romana e la Canal Point. Il raccolto viene eseguito prima della stagione caraibica, da Novembre a Marzo. Una caratteristica spiccata del prodotto è che, dal succo estratto, vengono prodotte sia melassa che concentrato di puro succo di canna. Questi due derivati vengono poi sottoposti a due differenti tipi di fermentazione:  la melassa ne subisce una breve, di 18 ore, in vasche da 100.000 litri con l’intento di massimizzare la produzione di alcol. Il succo di canna concentrato subisce invece una fermentazione più lunga di 48 ore, procedimento più lento con l’intento di concentrare aromi e profumi caratteristici che confluiranno poi nel distillato.
Altra caratteristica importante del Ron Diplomático è  nella distillazione che viene effettuata in un duplice modo: il concentrato di succo di canna da zucchero, dopo la fermentazione di cui prima, viene dapprima distillato in colonna e in seguito nei Pot Still canadesi ereditati dalla Seagram’s; il fermentato di melasse, viene invece distillato nelle colonne Barbet, francesi, adatte ad ottenere ron leggeri mantenendo comunque aromi e sapori ben definiti.
Il prodotto finale, il Ron Diplomatico, assume quindi una composizione diversa a seconda della tipologia di imbottigliamento.
Il prodotto in esame oggi, costituisce il top della produzione dell’azienda ad eccezione dell’espressione Ambassador, ed è composto da un blend di oltre 60 rum diversi, di cui l’80% è heavy rum, ottenuto dal Pot Still e solo il 20% da alambicco a colonna.
L’invecchiamento è di 12 anni. E’ opportuno dire che anche le etichette più giovani Reserva ed Anejo hanno almeno il 50% di rum Pot Still nel blend. Non viene aggiunto nulla, se non del caramello in piccola quantità. L’acqua impiegata nella distillazione, è quella pura delle Ande, ricavata da pozzi scavati a 50-60 metri di profondità.
La mente dietro questo affascinante rum è Tito Cordero, sapiente Mastro Ronero che da decenni lavora in distilleria assicurando, con cura maniacale, un risultato d’eccellenza.
La bottiglia è estremamente elegante, in vetro satinato verde e ricorda quelle in uso nell’800. L’etichetta, che ricorda un francobollo, reca l’immagine del fondatore Nieto Melendez. Il package è in tubo verde dall’aspetto complessivamente elegante.
Io ho avuto modo di provare questo Ron in svariate occasioni ed ho notato, con piacere, che la  reperibilità è aumentata negli ultimi anni, essendo ormai disponibile in diversi locali con discreta selezione oltre che in numerosi shop online. Mi ha favorevolmente colpito e, nelle note degustative, spiegherò i motivi.

Note Degustative

Aspetto: Ambra scura con riflessi dorati.

Olfatto: Delicata vaniglia in primis, un tocco di resina, un piacevole sentore di crostata alla frutta, si evolve con cacao e succo d’arancia. Completa il tutto un piacevole sentore di cannella misto a noci.

Palato: Etereo sentore di caramello, leggermente accennato, piacevole sentore legnoso ed anche un tocco di vaniglia. Procedendo nell’assaggio, è possibile scorgere ulteriori sapori, mai contrastanti, come quello di banane cotte, succo d’arancia e  non manca il ritorno delle noci. E’ possibile scorgere anche nocciole. Un retrogusto di delizioso cioccolato fondente misto a noce moscata e zucchero di canna  rende questo rum estremamente elegante! Ottimo, non c’è che dire!

Finale: Lungo e piacevole. Zucchero di canna e caramello con una piacevole persistenza delle noci e delle nocciole! 

Il Venezuela regala al mondo un altro grande rum che, seppur industriale, ha caratteristiche organolettiche estremamente interessanti. Un’eccellente miscela, degna dei premi di cui è stata insiginita. Abbinamento d’elezione resta il cioccolato fondente, preferibilmente tra il 90% e il 100% di cacao, degustabile anche da solo o con un sigaro.

Voto: 92/100

Download PDF
Download

Riconoscimenti

I seguenti riconoscimenti sono stati attribuiti da "Il Bevitore Raffinato"

  • Premio
  • Premio
  • Premio
  • Premio
Bookmark the permalink.

32 Comments

  1. L’ho assaggiato l’altra sera a casa di un amico… E mi sto domandando perché non l’ho fatto prima!

  2. Salve , volevo chiedere se mi può dire la differenza se c’è tra questo rum e il ron zacapa 23 centenario. Complimenti per le recensioni , è un piacere leggerla .

    • Salve, grazie dei complimenti. Rispondendo sinteticamente alla sua domanda:
      sono due stili di produzione completamente diversi e terroir differente. Lo Zacapa è prodotto con il Metodo Solera (che ho esplicato in alcune recensioni come quella del Santa Teresa 1796) mentre il Diplomatico no.
      L’invecchiamento reale dello Zacapa è inferiore a quello del Diplomatico, essendo il Rum finale composto solo in minima parte da rum più maturi. Al contempo, sono entrambi prodotti interessanti pur se lo Zacapa, che ha investito molto in Marketing, si trova molto più facilmente. Ad ogni modo, quest’ultimo sarà oggetto di una prossima recensione. Non mancherò di esaminare anche l’XO, top di gamma.
      Grazie per il commento. Spero continuerà a leggere gli articoli.

      • Mi ero fissato con lo zacapa 23 solera…ne ho finite 2 bottiglie…..ma dopo il diplomatico reserva esclusiva….non credo di assaggiare più il primo…..il diplomatico a quel prezzo è qualcosa di spettacolare….proprio comr lo desideravo io….lo zacapa credo sia più secco…mentre il diplomatico si lascia bere tranquillamente senza lasciare troppo l alcol in gola….credo riuscirei a berne mezza bottiglia in qualche sorso…mamma miaaaa…ottimo

        • Lieto che tu l’abbia apprezzato. E’ indubbiamente un Rum molto morbido e di assoluto spessore! Grazie per il commento, spero tornerai a trovarmi!

          • ma e’ normale che scenda come l acqua? accompagnato da cioccolato e’ la fine del mondo, sento nettamente la differenza con lo zacapa, che non so ma comunque sentivo mi provocava del malessere. La sezione non e’ giusta ovviamente, ma qualcosa che si avvicina al diplomatico diciamo quasi uguale giusto per provare? el dorado? j.bally?

            • Beh, la gradazione è quella canonica, abbastanza beverino ma cerca di non esagerare 😀 El Dorado è ugualmente un prodotto di alto livello, ma appartiene alla regione della Guyana (Demerara) e, pertanto, rasenta notevoli differenze con questo prodotto. Mi sento tuttavia di poter dire che non dovrebbe affatto deluderti. Altra valida opzione è il Santa Teresa 1796 che, seppur prodotto con metodo Solera, è ugualmente venezuelano e presenta dei tratti in comune con il Diplomatico. Poi, ci sarebbe la grandissima varietà degli indipendenti, alcuni con costi particolarmente proporzionati. Certo, sali comunque come fascia di prezzo: almeno 70-80 euro devi purtroppo spenderli, in quel caso.
              A presto e grazie del commento!

      • Salve sarebbe opportuno chiarire quel che dice siG.Giuseppe lei afferma che lo Zacapa non ha 23 anni di invecchiameto come riportato sull’ettichetta ma addirittura meno dei quelli del Diplomatico…..Mi scusi ma se cosi fosse sarebbe un falso in ettichetta egustamente dovrebbe essere punito dalla legge,io sono un consumatore finale e oltre al gusto ,prima vengo attratto anche dall’immagine ,,leggo 23 anni e l’altro no per forza vemgo attirato da quello piu invecchiato…grazie del suo tempo

        • Salve Gianluca,
          lo Zacapa è un Rum prodotto con il Metodo Solera, che ho dettagliatamente spiegato nel mio articolo sul “Santa Teresa 1796”. Riepilogo brevemente qui:
          in pratica il prodotto finale è composto da una miscela di rum con invecchiamento variabile dai 6 fino ai 23 anni. Tale informazione è peraltro riportata anche dal sito ufficiale di Zacapa. Gran parte della miscela è quindi composta da Rum ben più giovani di 23 anni. Non si tratta assolutamente di un falso in etichetta, dove è specificato Solera 23. Tuttavia, per chi ignora cosa sia il metodo Solera, mi rendo conto che possa fuorviare sull’invecchiamento effettivo.
          Il Diplomatico Reserva Exclusiva è invece composto da Rum invecchiato 12 anni.

          Cordialmente,
          Giuseppe Napolitano

  3. Salve! Complimenti per la recensione, effettivamente e’ un ottimo rum.
    Ma una recensione sul Cacique Antiguo quando la fa? Attendo con ansia, perche’ sono in dubbio sul prossimo rum da acquistare.

    Inoltre vorrei sapere cosa ne pensa degli areatori (come il Vinturi) per alcolici (whisky e rum in primis), mai provati? Servono? Meglio senza?
    Io ho notato che stonano un po’ con questo rum, ma con il whisky lo apprezzo.

    Grazie dell’attenzione. E buona degustazione.

  4. Salve a lei,
    la ringrazio per i complimenti, cerco di aggiornare costantemente il Sito. Il Cacique per ora non è in programma, non avendo avuto ancora modo di assaggiarlo. Su quale prodotto ha dubbi? Magari posso aiutarla.

    Per quanto concerne prodotti come il Vinturi, non ho avuto modo di provarli. Normalmente preferisco l’ossigenazione naturale, ma credo possano essere utili particolarmente nel caso di vini con lungo invecchiamento e vini liquorosi come il Porto Vintage. Tuttavia, non credo siano affatto indispensabili, basta avere la giusta pazienza 🙂

    Grazie per il commento. Spero continuerà a seguirmi.

  5. La ringrazio per la celere ed esauriente risposta. Riguardo ai miei dubbi sul prossimo acquisto, diciamo che mi piacerebbe provare qualche altro rum, dal buon rapporto qualita’ prezzo. Al momento il Diplomatico sta andando a 35 / 45 euro. Qualche nome che si trova su questa fascia? Oltre al Santa Teresa che ho gia’ preso in considerazione, mi andrebbe di cambiare regione, per trovare qualcosa di diverso che mi stupisca ma in modi differenti dal Diplomatico, cosi’ da arricchire il mio bagaglio degustativo ed avere al distillato successivo sempre piu’ termini di confronto… forse mi sono un po’ perso, se e’ cosi’ me ne scuso.

  6. Salve, si figuri, è un piacere poter essere d’aiuto. Cambiando regione, potrebbe prendere in considerazione i rum della Guyana (Demerara) e quelli della Giamaica. A tal proposito, le segnalo un prodotto dall’interessantissimo rapporto qualità/prezzo: Smith&Cross. Trattasi di Rum giamaicano a grado pieno (57%) di gran corpo e struttura. Salendo di fascia ma non troppo, le consiglio gli ottimi rum prodotti da Cadenhead’s, il più antico selezionatore scozzese, specializzato in whisky e rum particolarmente sontuosi. Mediamente si trovano dai 50 agli 80 euro, tutti con invecchiamento dichiarato e reale. La differenza è che non vengono maturati nel clima caldo dei tropici ma, bensì, in Scozia. Altra valida opzioni sono i Rum della Guyana selezionati dalla genovese Velier: grande spessore qualitativo, ne ho recensiti diversi. Tuttavia, il prezzo è più elevato, trattandosi di Rum prodotti in quantità estremamente limitate. Certo, 120-150 euro sono una spesa considerevole ma ne guadagnerà tantissimo in gradimento.
    Questi prodotti sono facilmente reperibili presso diverse enoteche italiane. Recentemente sono stati rilasciati nuovi imbottigliamenti. Infine, un’altra validissima opzione sono i Rum selezionati dall’italiana Silver Seal (si, noi Italiani siamo estremamente bravi nelle selezioni) e disponibili in varie fasce di prezzo, in base all’invecchiamento. I prodotti sopraelencati, eccettuati quelli di Velier, li trova rispettivamente da cadenhead.it e da whiskyantique.com. Ah, quasi dimenticavo: anche i demerara e i giaimaicani di Rum Nation (anch’esso selezionatore italiano) sono molto intriganti, dall’ottimo rapporto qualità/prezzo. Ovviamente, le cifre complessive sono mediamente più alte dei rum industriali ma, mi creda, ne vale assolutamente la pena.
    Non esiti a ricontattarmi per ulteriori dubbi.

  7. Buongiorno Giuseppe.

    Ho acquistato in una famosa “enoreca online” 7 bottiglie di Rum Diplomatico Reserva exclusiva 12 anni.

    A differenza di quelli da me già assaggiati ma acquistati nelle migliori enoteche della mia città (dove lo stesso costa ben il 30% in più!) quello acquistato da me “on line” risulta più “acidulo”, meno “morbido” e il gusto dello zucchero di canna si sente molto meno.

    Insomma, il classico gusto di questo stupendo Rum viene leggermente meno.

    Mi sa dare una spiegazione?

    Sbaglio o l’invecchiamento dovrebbe essere lo stesso?

    Grazie e complimenti per il sito che ho già messo nei preferiti!

    Grazie per l’attenzione!

    • Salve,
      Ad ogni modo, rispondendo alla sua domanda: può essere che si tratti di una partita qualitativamente inferiore, benchè sia un caso raro.
      Normalmente, io trovo ottimo il Reserva Exclusiva. Potrebbe provare con una seconda bottiglia e farmi sapere? Questo Rum viene prodotto in quantità più elevate, ma l’omogeneità dello stesso dovrebbe sempre essere garantita, come l’invecchiamento.
      Tuttavia, come ho specificato prima, talvolta può capitare che un batch non sia qualitativamente in linea con il resto. Mi è capitato con alcune espressioni, come nella gamma Glenfarclas, dove alcuni imbottigliamenti del 21 e del 30 anni erano eccezionali, altri medi. In quel caso, il voto finale è stato ricavato dalla media delle espressioni esaminate.
      Non mi è mai capitato, tuttavia, con il Reserva Exclusiva. Ad ogni modo, difficilmente le bottiglie apparterrano tutte allo stesso batch, pertanto può provare come le ho detto, assaggiando un’altra bottiglia.

      Grazie della domanda e spero che continuerà a seguirmi.

      • Buongiorno.
        Grazie per la risposta.

        Assaggiate tutte e 7 le bottiglie e purtroppo penso provengano tutte dallo stesso batch.

        Il negozio mi ha scritto che “ Il referente ci informa che e’ impossibile che il Rum diplomatico risulti acidulo, e non e’ possibile che sia diverso nelle città Italiane in quanto l’importatore e’ il medesimo”.
        Mi chiedono inoltre se il fatto e’ riferito ad una sola bottiglia (sfortunata) o se e’ presente in tutte. 🙂 🙂
        O se mi confondo con un altro Rum dal nome analogo (es. Dictator 12 anni)

        Ho apprezzato comunque la disponibilità ma se un prodotto non ha una costante qualità forse va valutato un po’ meno….

        Cordiali saluti.

        • Salve,
          si figuri, cerco sempre di rispondere rapidamente a tutti.
          Le posso dire che, qualora ravvisassi uno standard qualitativo altalenante, rivedrò la recensione con la dovuta specifica, come fatto in casi analoghi.
          Fortunatamente, però, finora non ho rilevato differenze significative tra i batch di Reserva Exclusiva, che ho riassaggiato proprio recentissimamente.
          Mi duole che sia incappato in un batch non propriamente gradevole. Se vuole, può mandarmi un campione per la disamina.
          In tal caso, mi contatti privatamente alla mail admin@ilbevitoreraffinato.com e le fornirò il mio indirizzo. Sarò lieto di verificare questa differenza.

          Cordialmente,
          Giuseppe Napolitano

          • Grazie Signor Giuseppe!
            Non mi riferivo alla sua valutazione… ma alla valutazione “economica” dei rivenditori.
            Nella mia città, in enoteca, il Diplomatico è venduto a 58 € e il fatto di averlo pagato “online” a 32€ mi ha portato a pensare non fosse un originale.
            Cordiali saluti!

            • Salve,
              online spesso si beneficia di offerte che purtroppo le enoteche “fisiche” non sempre riescono ad offrire, causa i maggiori costi di gestione.
              Non credo sia incappato in un falso, semplicemente una partita purtroppo non eccezionale. Ad ogni modo, se vorrà inviarmi un campione, le fornirò la mia valutazione. Ho una bottiglia di Reserva Exclusiva aperta, quindi non mi risulterà complesso.

              Cordialmente,
              Giuseppe Napolitano

  8. Pingback:Crostata alla crema di cacao e rum - Un dentista ai fornelli

  9. Pingback:Torta con mousse al cioccolato e nocciole - Il sito di Ropa 55 - Un dentista ai fornelli

  10. È passato molto tempo ma sono curioso di sapere se ha avuto modo di valutare il campione

  11. Io sono alla quinta bottiglia e la qualità di questo rum è sempre stata costante.

  12. Salve sto divorando il suo sito leggendo le sue recensioni interessantissime e di grande spessore .
    Vorrei sapere a livello qualitativo e di esclusività cosa consiglia tra il Diplomatico qui recensito ed il Santa Teresa 1796 dato che hanno circa lo stesso prezzo ? Sarebbe il mio primo rum (ho provato solo il rum Matusalem 23 y.o. che mi ha colpito in positivo il suo sapore fumè come l’ho trovato nel Whisky Lagavulin 16)

    • Salve Luca, la ringrazio per l’apprezzamento espresso nei confronti del mio blog. Venendo alla sua domanda: Santa Teresa 1796 e Diplomatico sono entrambi prodotti validi secondo la mia personale opinione. Hanno metodi di produzione differenti e sono entrambi rum piuttosto dolci, senza tuttavia risultare melensi. Io le suggerirei di prendere entrambi, per verificare lei stesso quale riscontra maggiormente le sue preferenze. Eventualmente, può vedere di provarli in un bar fornito per poi scegliere. Un caro saluto!

  13. Salve, dovendo scegliere 2 bottiglie tra el dorado 12 Years , santa Teresa 1796 e diplomatico preserva esclusiva, quale mi consiglierebbe? E perché?

  14. Salve. Compimenti per le recensioni, utilisisme. Da quando abito in Emilia( sono un diversamente settentrionale) sto allargando la mia cultura sui distillati di vario genere. Mi piace avere in casa grappe di buon livello, da gustare davanti al fuoco del caminetto nel dopocena. L’altro ieri la mia compagna mi ha regalato assieme ad un’ottima Berta una bottiglia di Diplomático. Che dire… maestosa! Un esplosione di odori e sapori. Innamorato.

  15. HO TROVATO MOLTE TIPOLOGIE DI DIPLOMATICO IL CUI PREZZO VA DAI 45 EURO AGLI 85. QUALE SAREBBE LA DIFFERENZA? NON BEVO MA VOREI REGALARLO E FARE OTTIMA FIGURA

    • Gentile Eleonora,
      in commercio esistono diverse espressioni:
      Reserva, Reserva Exclusiva, Vintage, Ambassador, per non parlare del Planas (rum bianco) e del recente Mantuano. Se desidera fare un regalo con un budget non elevatissimo, può optare per il Reserva Exclusiva, oggetto di questa recensione che, a mio parere, è molto valido e dal costo non elevatissimo.
      Un caro saluto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Bevitore Raffinato invita i visitatori del Sito a bere in modo responsabile.