Informazioni:

Tipologia: Islay Single Malt Scotch Whisky

Provenienza: Isola di Islay – Scozia.

Volume alcolico: 55,8%

Prezzo consigliato: 89 euro.

Reperibilità: Media, Single Cask da cui sono state ottenute 169 bottiglie. Ancora disponibile da Whisky Italy.

Cenni storici e osservazioni personali:

Whisky Italy è una realtà affermata nell’ambito del commercio di whisky. Tale realtà, frutto della passione dei fratelli Malaspina, Diego e Igor, non si limita alla vendita ma si articola anche in attività formative e informative. Oltre infatti a redigere articoli a disposizione dei visitatori, da tempo lo shop romano organizza degustazioni, come probabilmente saprete se mi seguite anche sui social.

Sbocco ulteriore di questa passione è la selezione di propri imbottigliamenti: lo scorso anno, infatti, Whisky Italy  propose un Caol Ila in collaborazione con l’IB Claxton’s. Stavolta, il duo si presenta invece con propria etichetta e con un whisky non così frequente tra le selezioni indipendenti: un Williamson. Non vi affrettate a cercare su Google la distilleria perché non esiste. Semplicemente, è un nome d’arte scelto per Laphroaig, in onore di una delle sue figure più rappresentative, Elizabeth “Bessie” Williamson, prima donna del 20° secolo a ricoprire il ruolo di Distillery Manager. 

Nello specifico, è un Williamson 10 y.o. distillato nel 2010 ed imbottigliato nel 2020, proveniente da singola botte ex-Bourbon refill dalla quale sono state ottenute 169 bottiglie a grado pieno, 55,8%. Non è stato filtrato a freddo e si presenta con il colore naturale.

Connessa all’imbottigliamento, mi sembra opportuno segnalarlo, vi è una pregevole iniziativa ambientalista, in collaborazione con l’associazione zeroCO2: per ogni bottiglia acquistata verrà piantato un albero in Guatemala e sarà possibile seguire la crescita del “proprio” albero, nel corso dei tre anni successivi. Vi rimando alla pagina realizzata da Whisky Italy per maggiori dettagli.

Non mi resta che procedere alla prova del bicchiere.

 

Note di degustazione:

Aspetto: Giallo paglierino.
Olfatto: L’usuale torba intrisa di note medicinali di Laphroaig è presente ma in una declinazione ben più doma rispetto al solito. Quel che domina maggiormente è un elegante lato fruttato composto in primis da delicati limoni o, per essere più precisi, torta al limone (mi riferisco alla crema…) accompagnati da fresche pesche gialle e melone bianco. Dopo alcuni istanti, emerge l’aroma di un barbecue spento da poco, misto a una salsa Worchester non particolarmente marcata e leggero effluvio di aceto balsamico. In questa splendida cornice si ravvisa anche il lato costiero che, volendolo trasporre con le parole, rimembra scogli bagnati dal mare e ostriche fresche. Un olfatto complesso ed elegante, assolutamente non tagliente e non può che essere un bene. Perfetto in purezza, provandolo dopo l’aggiunta di qualche goccia d’acqua, non noto significative variazioni, se non l’incremento del lato torbato/medicinale a discapito delle altre note. In effetti, senza è decisamente più intrigante.
Palato: La freschezza del mare e la floridità della campagna si incontrano in una suadente armonia, realizzando un amalgama di sentori mai contrastanti ed anzi perfettamente integrati: una leggera nota salina sposa un misto di frutta, dominato dalla pesca ma con l’incursione dei limoni, più timidi rispetto all’olfatto, cui fa compagnia una pera Spadona; un fumo delicato, di legna ormai arsa da molte ore, accompagna le ostriche, mentre da cornice fungono spezie mai eccessive declinate nel pepe bianco e nella vaniglia, in primis, ma anche da un piccante zenzero particolarmente evidente ma non depauperante, anzi. La nota alcolica, nonostante l’elevata gradazione, non è affatto percepibile. Anche in questo caso, perfetto senza nemmeno una goccia d’acqua.
Finale: Lungo, fruttato con una fumosità sempre molto delicata e complementare, echi marini e speziati.

Un torbato di quelli che non se ne vedono spesso, capace di preservare il DNA della distilleria offrendo al contempo una complessità non scontata in molti whisky di pari invecchiamento. Mai eccessivo, mai graffiante, un tratto purtroppo molto in voga nei torbati moderni, si presenta elegante e sontuoso in ogni sua componente. Difficile muovergli critiche se non, forse, che trattandosi di un Single Cask molto presto sarà introvabile. Chapeau, Whisky Italy! Ah, segnalo anche l’apprezzamento dei colleghi blogger Whisky Art e Whiskyfacile.

Voto: 91/100

starstarstar

Riconoscimenti

I seguenti riconoscimenti sono stati attribuiti da "Il Bevitore Raffinato"

  • Premio
  • Premio
  • Premio
  • Premio

Related Posts

Leave a Reply

Cerca per Distilleria

133Whisky & Whiskey
Aberlour
AnCnoc
Antiquary
Arbikie
Ardbeg
Ardmore
Arran
Auchroisk
Balblair
Balcones
Ballantine's
Balmenach
Balvenie
Benrinnes
Benromach
Bimber
Bladnoch
Blair Athol
Bowmore
Brora
Bruichladdich
Buffalo Trace
Bunnahabhain
Caledonian
Cameronbridge
Caol Ila
Cardhu
Chichibu
Chivas Regal
Clynelish
Compass Box
Convalmore
Connemara
Cragganmore
Craigellachie
Crown Royal
Dailuaine
Dalmore
Dalwhinnie
Dufftown
Dumbarton
Eagle Rare
Elijah Craig
Ezra Brooks
Fettercairn
Four Roses
George Dickel
Girvan
Glen Albyn
GlenAllachie
Glenburgie
Glencadam
GlenDronach
Glenfarclas
Glenfiddich
Glen Elgin
Glen Garioch
Glen Grant
Glen Keith
Glenglassaugh
Glengoyne
Glengyle
Glenlivet
Glenlossie
Glenmorangie
Glen Mhor
Glen Moray
Glen Scotia
Glenury Royal
Glenrothes
Glenturret
Glenugie
Hazelburn
Heaven Hill
Highland Park
Hudson
High Spirits
Imperial
Inverleven
Invergordon
Jack Daniel's
Johnnie Walker
Jura
Kilchoman
Kininvie
Lagavulin
Laphroaig
Ledaig
Linkwood
Littlemill
Loch Lomond
Longmorn
Longrow
Macallan
Maker's Mark
Mannochmore
Michter's
Miltonduff
Mortlach
Murray McDavid
North British
Old Crow
Old Fitzgerald
Old Pulteney
Oban
Pappy Van Winkle
Paul John
Port Dundas
Pittyvaich
Port Ellen
Puni
Rosebank
Royal Brackla
St.Magdalene
Scapa
Shinshu Mars
Speyburn
Springbank
Strathmill
Strathisla
Talisker
Teaninich
Teeling
Tobermory
Tomatin
Tullibardine
Yamazaki
Whistlepig
Whyte & Mackay
Widow Jane
Wild Turkey
Writers' Tears
Ignote/Segrete
45Rum
Abuelo
Angostura
Appleton Estate
Bellevue
Bermudez
Brugal
Cadenhead's
Caroni
Damoiseau
Diamond
Dictador
Diplomático
Don Papa
Doorly's
El Dorado
English Harbour
Enmore
Equiano
Flor de Caña
Foursquare
Hampden
Havana Club
Kraken
La Hechicera
Long Pond
Matusalem
Mount Gay
Mulata
Ocean's
Plantation
Port Mourant
Relicario
ReimonenQ
Saint James
Saint Maurice
Samaroli
Santa Teresa
Skeldon
Trinidad
Uitvlugt
Velier Demerara
Velier Royal Navy
West Indies Rum Distillery
Worthy Park
Ignote
5Porto
Dow's
Fonseca
Graham's
Quinta do Vesuvio
Ramos Pinto
11Grappa
Bottega
Cantina del Taburno
Dellavalle
Feudi di San Gregorio
Mazzetti d'Altavilla
Nonino
Poli
Roner
Sibona
Unterthurner
Villa de Varda
10Brandy
A.De Fussigny
Branca
Cardenal Mendoza
Courvoisier
Fundador
Lepanto
Mazzetti d'Altavilla
Vallein Tercinier
Vecchia Romagna
Villa Zarri